Ciao, sono Antonella, direttrice di NLP ITALY Coaching School.

Voglio condividere con te una domanda che un partecipante mi ha posto durante un’edizione del corso introduttivo sull’Intelligenza Emotiva e Sociale, perché ha fatto riflettere molto sia me che le altre persone presenti.

La domanda è stata questa: Come si collega la fiducia a tutto quello che possiamo fare nella vita?.

È stato un ottimo spunto di riflessione, e mi ha fatta ragionare in particolare su una metafora.

Pensate ad esempio quando guidiamo la macchina: se ci fidiamo della nostra capacità di guida, possiamo portare altre persone nella nostra auto senza avere difficoltà.

Nel momento in cui, invece, sappiamo guidare, ma abbiamo paura di farlo, è come se fossimo bloccati: non ci sentiamo sicuri a trasportare con noi altre persone. Quello che ci manca, in questo caso, è proprio la fiducia in noi stessi.

La fiducia ci accompagna ovunque ed è direttamente proporzionale al potere che pensiamo di avere nella vita: la fiducia in noi stessi ci permette di dire “Io posso fare questa cosa!”.

Pensa anche a quante volte richiediamo alle altre persone questa fiducia: si tratta di un aspetto fondamentale che fa parte della nostra quotidianità.

Quello che conta è sapere cosa fare per coltivare la fiducia in noi stessi, e l’Intelligenza Emotiva e Sociale ci aiuta a trovare proprio la risposta a questa domanda.

Chi ha letto questo articolo, ha letto anche:

I 3 errori più frequenti quando si comunica in pubblico

I 3 errori più frequenti quando si comunica in pubblico (il secondo l’hai fatto anche tu)

Così come fa un cartografo per disegnare una mappa, anche tu devi esplorare il territorio in cui ti muoverai prima di parlare di fronte a un pubblico. E devi conoscerlo il meglio possibile, per evitare sentieri scomodi o pericolose sabbie mobili.

Come comunicare usando il linguaggio emotivo?

Come comunicare usando il linguaggio emotivo?

Quando scrivi un testo, è importante capire quale emozione vuoi trasmettere al tuo lettore. In quanto esseri umani, siamo creature complesse e possiamo sentire ogni sorta di emozioni nello stesso tempo: la prima azione, quindi, è identificare le emozioni che guidano la persona che ti legge.

Cosa vuole veramente il tuo cliente?

Quando lavoro con i venditori, consiglio sempre di porre molta attenzione a quello che chiede il cliente in prima battuta. Solitamente, la prima cosa che ti chiede non è quella che vuole davvero. Lo fa in buona fede, senza malizia: è tuo compito aiutarlo a chiarirsi le idee.